Comitato Unico di Garanzia del CNR

News

Riunione Plenaria CUG

Il 09 aprile 2024 si è riunito per la prima volta il Comitato Unico di Garanzia del CNR rinnovato in data 01.03.2024.
I lavori del nuovo CUG si sono avviati sulla scorta delle esperienze e delle molteplici attività condotte in ambito CNR e non solo dal precedente Comitato

Leggi tutto
No Women No Panel - locandina evento

Eventi

No Women No Panel-Senza donne non se ne parla

Mercoledì 13 marzo, alle ore 10.30 (registrazione ore 10.00), a Roma, presso il Consiglio nazionale delle ricerche (Aula Marconi-Piazzale Aldo Moro, 7) saranno presentati i primi dati della campagna: “No Women NO Panel- Senza donne non  se ne parla”, promossa dalla Rai per il monitoraggio e la valutazione di impatto della partecipazione equilibrata e plurale di donne e uomini nella comunicazione pubblica, con l’obiettivo di favorire l'equilibrio di genere.

I dati riguardano le attività di monitoraggio effettuate da istituzioni firmatarie dell'Accordo con la Rai, tra cui anche il Cnr.

All'evento interverranno, tra gli altri, Maria Chiara Carrozza, Presidente del Cnr, Marinella Soldi, Presidente della RAI, Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia (tbc), Marcella Panucci, Capo di Gabinetto Ministero dell’Università e della Ricerca, Eugenia Maria Roccella, Ministro per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità (tbc), Helena Dalli, Commissaria Ue (video messaggio), Antonio Tintori Presidente del CUG CNR e e coordinatore del gdl del CNR per l'attuazione del Memorandum of Understanding.

La presentazione dei risultati sarà seguita da un dibattito moderato da Marco Carrara, conduttore Timeline RAI 3.

La campagna, ideata nel 2018 dalla allora Commissaria europea per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, Mariya Gabriel, in Italia è stata introdotta e promossa dalla RAI che, attraverso la stesura dell'accordo “No Women No Panel – Senza donne non se ne parla” ha condiviso con altre istituzioni i principi ispiratori del progetto per ampliarne il raggio d’azione.

Nel 2022 l'accordo è stato sottoscritto dal Consiglio nazionale delle ricerche.

No Women No Panel

No Women No Panel

Leggi tutto
Sport e inclusione femminile

Eventi

Sport e inclusione femminile: come promuovere e diffondere un fattore di salute e di benessere

CNR Sala Marconi, p.le Aldo Moro 7, Roma

CNR-Unità Prevenzione e Protezione - Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (Cnr-Irpps) con il gruppo Mutamenti Sociali, Valutazione e Metodi (MUSA), in collaborazione con l'Unità Ufficio Stampa, l'Unità Comunicazione e l'Unità Formazione e Welfare

All’evento parteciperanno in qualità di relatori per la parte scientifica il Presidente del CUG-CNR, dott. Antonio Tintori, e la componente del CUG-CNR, dott.ssa Loredana Cerbara.

L’attività fisica rappresenta un importante fattore preventivo e protettivo nei confronti di molte malattie, come le malattie cardiovascolari, l’osteoporosi e alcuni tumori. Tuttavia, i dati europei evidenziano l’esistenza di una certa quota di sedentari con una differenza di genere: le donne, a qualsiasi età, svolgono una minor attività fisica ludico-motoria o sportiva rispetto agli uomini.

Per affrontare questo gap di genere, l’Unità di Prevenzione e Protezione del CNR (SPP-CNR), l’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS) con il gruppo Mutamenti Sociali, Valutazione e Metodi (MUSA), in collaborazione con l’Unità Ufficio Stampa, l’Unità Comunicazione e l’Unità Formazione e Welfare, ha organizzato l’evento ‘’Sport e inclusione femminile: come promuovere e diffondere un fattore di salute e di benessere’’ che si terrà giovedì 7 marzo 2024 presso la Sala Marconi della Sede Centrale del CNR di Roma.

Oltre che per sottolineare i benefici dell’attività fisica, l’evento sarà l’occasione per comunicare e discutere i risultati di ricerche nazionali condotte sugli adolescenti dal gruppo MUSA, i quali, mostrando che nel 2022 hanno praticato sport in modo continuativo il 58% dei ragazzi e solamente il 34% delle ragazze, testimoniano l’aumento del divario di genere a seguito della pandemia, per effetto dell’abbandono dell’attività sportiva soprattutto da parte delle studentesse.

Si discuterà quindi delle cosiddette Golden rules (Regole d’oro) emerse dal progetto Erasmus+ Sport dell’Unione Europea “Women’s hurdles” (“Gli ostacoli delle donne”) coordinato dall’SPP-CNR, il cui obiettivo è stato di individuare le regole che possano facilitare la pratica sportiva in tutte le donne, di qualsiasi età e, soprattutto, in quelle con carichi di lavoro anche familiari o legati allo studio.

A tal riguardo, l’evento vedrà la partecipazione anche di classi liceali (che verranno coinvolte in un sondaggio interattivo), in quanto l’inserimento dello sport nella routine quotidiana della studentessa deve essere un’abitudine che va insegnata ed acquisita durante gli anni della scuola in modo che essa sia più incline a continuarne la pratica anche in età adulta. Un altro aspetto che può rappresentare un forte stimolo motivazionale riguarda i messaggi positivi sul divertimento e sul senso di benessere associati all’attività fisica, con il superamento delle associazioni negative legate a concetti quali la fatica oppure a immagini di bellezza (con conseguenti sentimenti di inadeguatezza).

Questo punto verrà affrontato nella tavola rotonda che concluderà l’evento e a cui parteciperanno atlete nazionali di varie discipline sportive.

Leggi tutto
inail bilancio di genere

Eventi

Il Bilancio di Genere: un’opportunità per un futuro equo, giusto e sostenibile

Il Bilancio di genere è uno strumento per politiche pubbliche orientate ad una migliore allocazione delle risorse, che tenga conto delle differenze di genere, della qualità dei servizi e di una gestione delle medesime equa e sostenibile.
Quale il ruolo dei Comitati unici di garanzia nel percorso per la sua predisposizione?
Questi i temi dell’incontro promosso dal Cug Inail in collaborazione con la Rete Nazionale dei Cug.
Agli approfondimenti sul tema, che si svolgeranno nella prima parte dell’incontro, seguirà la tavola rotonda dedicata al confronto tra le esperienze promosse dagli enti che hanno già attuato il bilancio di genere e quelli che ancora sono nelle fasi preliminari alla sua realizzazione.

Leggi tutto
Foto Aula Marconi

Eventi

Accessibilità, mobilità, inserimento e benessere lavorativo: azioni intraprese e azioni avviate

Aula Marconi della sede centrale del CNR - Piazzale Aldo Moro,7 00185 Roma L’Unità prevenzione e protezione del Cnr e il Responsabile dei processi di inserimento delle persone con disabilità del Cnr hanno organizzato un evento volto a sensibilizzare e richiamare l'attenzione sulle problematiche e le necessità riscontrate nell'inserimento lavorativo delle persone con diverse abilità, sottolineando le relazioni tra accessibilità, inserimento e benessere nei luoghi di lavoro.
Nel convegno, saranno illustrati gli obiettivi raggiunti e le azioni intraprese dal Cnr nell’ultimo anno di attività.
L’iniziativa, inoltre, si inserisce tra le azioni volte a potenziare le sinergie fra le strutture del Cnr e a stimolare la collaborazione con altri Enti Pubblici e con le Associazioni di settore.
Il convegno si svolgerà il 12 aprile 2023 presso l'Aula Marconi della sede centrale del Consiglio Nazionale delle Ricerche dalle ore 8.30 alle ore 13.30. Le relazioni saranno sottotitolate.

Organizzato da:
Unità Prevenzione e Protezione del CNR
Con il patrocinio del Comitato Unico di Garanzia del Cnr

Leggi tutto
Locandina

News

8 marzo giornata internazionale per i diritti delle donne

Questa giornata è un'occasione per ricordare le conquiste raggiunte nella direzione delle pari opportunità tra donne e uomini e più complessivamente di genere e un momento per riflettere sulle discriminazioni, le molestie e le violenze che oggi la donna subisce ancora e largamente in ambito familiare, sociale e lavorativo.

Leggi tutto
tavola rotonda

Eventi

Global women's breakfast: breaking barriers in science

Il 14 febbraio sbarca a Firenze la 'Global Women Breakfast', iniziativa promossa a livello mondiale dalla International Union of Pure and Applied Chemistry (IUPAC), che ha come tema l’abbattimento delle barriere nella scienza. L’evento ha l'obiettivo di stabilire una rete attiva di persone di tutti i sessi per superare le barriere all'uguaglianza di genere nella scienza.
L’incontro, co-organizzato dall’Università degli studi di Firenze, Lens e Consiglio nazionale delle ricerche, patrocinato dall’Istituto nazionale di ricerca metrologica (INRiM), si svolgerà dalle 9.30 alle 11.30 presso l’Aula Magna del Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell’Ateneo fiorentino.
Interverranno ad aprire i lavori: Duccio Fanelli, Direttore del Dipartimento di Fisica ed Astronomia dell’Università degli Studi di Firenze - Comitato organizzatore per IUPAC Global Women's Breakfast, la Presidente del Cnr Maria Chiara Carrozza e la Rettrice UniFi Alessandra Petrucci; seguirà un dibattito sul tema ‘(Quali) Strumenti per superare gli squilibri di genere nelle carriere scientifiche’ con Chiara Adembri, Presidente Comitato Unico di Garanzia (CUG) UniFi; Maria Chiara Carrozza, Presidente del Cnr; Elisabetta Cerbai, Direttrice Lens; Diederik S. Wiersma, Presidente INRiM; Alessandra Petrucci, Rettrice dell’Università degli Studi di Firenze; Cristiana Scelza, Presidente Valore D; Antonio Tintori, Presidente Comitato unico di garanzia (Cug) del Cnr. Modera Lucio Pisacane, Ricercatore dell’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali (Irpps) del Cnr.
L'incontro 'Global Women’s Breakfast’, che si svolge a febbraio di ogni anno, intende celebrare i risultati di 'Women in Science' e ispirare le giovani generazioni a intraprendere una carriera scientifica. Donne e uomini di numerose organizzazioni si riuniscono per ‘condividere la colazione’ virtualmente o di persona; inoltre facilita la formazione di comunità su scala locale, regionale e internazionale per condividere efficacemente idee e strategie per il progresso.

Leggi tutto
Convegno benessere luogo di lavoro

Eventi

Convegno "Il benessere nei luoghi di lavoro"

Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (Viale Castro Pretorio, 105)

Il 14 dicembre p.v., dalle ore 10.00 alle ore 13.00 presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma (Viale Castro Pretorio, 105), si terrà il Convegno dal titolo “Il benessere nei luoghi di lavoro”.

L’evento, che nasce in collaborazione con la Rete Nazionale dei CUG e il CUG del Ministero della Cultura, affronterà alcuni argomenti di attualità, tra i quali i risultati dell’indagine “Obiettivo Benessere 2022”, recentemente svolta presso il personale del nostro Ente, che rientrano nell’ambito delle tematiche enunciate nella declaratoria costitutiva dei Comitati Unici di Garanzia, come da programma allegato.

Il Comitato Unico di Garanzia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CUG-CNR) intende far conoscere più ampiamente al personale dell’Ente le proprie competenze e le attività svolte al fine di promuovere, nell’ambito del nostro pubblico, la parità e le pari opportunità di genere, la tutela dei lavoratori contro le discriminazioni e il mobbing, nonché l’assenza di qualunque forma di violenza fisica e piscologica.

Sono pertanto estremamente lieto di invitarvi a questo convegno, che offre anche una panoramica delle iniziative messe in atto presso altri enti ed istituzioni pubbliche.

Il Convegno è inquadrato come attività formativa organizzata in collaborazione con l’Unità Formazione e Welfare. Ai presenti in Aula sarà rilasciato un attestato di partecipazione. L’iscrizione al Convegno da parte di colleghi CNR potrà essere effettuata mediante il portale GesFor – Sistema Integrato di gestione della formazione (https://gestione.formazione.cnr.it) entro le ore 13.00 di lunedì 12 dicembre 2022, alla sezione Gestisci Iscrizioni. L'accesso richiede autenticazione con credenziali standard CNR.

Leggi tutto
Giornata Disabilità

News

Giornata internazionale delle persone con disabilità 2022

Il tre dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata dedicata alle persone con disabilità.
Questa ricorrenza è stata proclamata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite nel 1981 (Anno Internazionale delle Persone Disabili) con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul perseguire gli obiettivi di benessere, inclusione e difesa dei diritti dei cittadini disabili. Nel 2006, la di difendere e salvaguardare, anche attraverso la ricorrenza del tre dicembre, la qualità ha sottolineato l’esigenza della vita delle persone disabili rispetto ai principi di uguaglianza e partecipazione alla sfera politica, sociale, economica e culturale della società.
Secondo il Rapporto mondiale dell'OMS sulla disabilità, il 15% della popolazione mondiale, ovvero più di 1 miliardo di persone, è portatrice di qualche forma disabilità. L’80% di queste vive nei Paesi a più basso reddito. Si stima, inoltre, che circa 450 milioni di individui vivano una condizione di disabilità mentale o neurologica e due terzi di essi non fruiscano di assistenza medica professionale, in gran parte a causa di discriminazione e abbandono.
Secondo gli ultimi aggiornamenti dell’Istat, in Italia, le persone disabili sono più di tre milioni, pari al 5,2% della popolazione. 1,5 milioni di queste - nella maggior parte dei casi con 75 anni e più - vivono quotidianamente con gravi limitazioni. Infine, sei disabili su dieci
nel nostro Paese sono donne; una differenza di genere che si amplia tra gli ultra sessantacinquenni.
Il Comitato Unico di Garanzia del CNR sostiene l’inclusione ed il benessere del personale disabile nei luoghi di lavoro, promuovendo attività e una cultura atta a generare condizioni di parità, pari opportunità e di assenza di discriminazioni, ai fini del rispetto di principi etici e di equità che si auspica potranno essere sempre maggiormente condivisi.

Il Comitato Unico di Garanzia del CNR

Ringraziamo per l’illustrazione gentilmente concessa Frannythiery
http://Frannythiery.com

Leggi tutto
Stop violenza contro le donne

News

25 novembre 2022 Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne

Nella giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne i/le componenti del CUG CNR hanno deciso di realizzare un’infografica con l’obiettivo di evidenziare quanto la violenza maschile contro le donne sia un problema sociale strutturale, e non una qualche forma di deviazione o disfunzione delle nostre società.
È infatti la stessa Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica a considerare la violenza contro le donne come uno dei meccanismi sociali cruciali per mezzo dei quali le donne sono costrette in una posizione subordinata rispetto agli uomini.
A partite da un’analisi dei dati ISTAT, l’infografica mostra l’andamento costante degli omicidi di donne, l’aumento dei contatti al numero antiviolenza e antistalking 1522 e degli ingressi nei Centri antiviolenza.
Chi subisce violenza può rivolgersi al servizio pubblico 1522, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Pari Opportunità, un numero gratuito e attivo 24 h su 24, che accoglie con operatrici specializzate le richieste di aiuto e sostegno delle vittime di violenza e stalking. Segnaliamo inoltre il link con i Centri antiviolenza della rete D.i. Re. presenti sul territorio, presidi di protezione, valorizzazione e riprogettazione della vita delle donne che hanno subito o subiscono violenza.
Il comitato unico di garanzia

Immagine di jcomp su Freepik

Leggi tutto
Antonio Tintori

News

Antonio Tintori, nuovo presidente del Cug Cnr

Antonio Tintori è stato nominato presidente del Comitato unico di garanzia del Consiglio nazionale delle ricerche con provvedimento del Direttore Generale, seguito alla pubblicazione di una manifestazione di interesse per tale ruolo.
Già componente del Cug, succede a Giovanna Acampora che ricopriva l'incarico dal 19 febbraio 2020. Sociologo, dottore di ricerca in geografia economica, ricercatore e referente del gruppo di ricerca Mutamenti sociali, valutazione e metodi (MUSA) dell'Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Cnr, già docente di metodologia delle scienze sociali presso l’Università 'La Sapienza' di Roma. La sua attività di ricerca è orientata in particolar modo all'analisi psicosociale degli atteggiamenti e dei comportamenti di gruppi di popolazione, con particolare riferimento ai giovani e al genere rispetto a interazione e integrazione, devianza e condizionamenti sociali.

Leggi tutto
Antonella Veltri

News

Antonella Veltri confermata presidente di D.i.Re

Antonella Veltri, ricercatrice dell'Istituto per i sistemi agricoli e forestali del Mediterraneo del Consiglio nazionale delle ricerche, è stata confermata all'unanimità presidente di D.i.Re - Donne in Rete contro la violenza, in un'assemblea molto partecipata, per la prima volta in presenza dopo due anni di pandemia
La Veltri, che è stata anche membro del Comitato unico di garanzia del Cnr, ed è presidente di D.i.Re dal 2019, ha dedicato un pensiero sentito e partecipato da tutte le presenti alla guerra: “È con un sentimento contrastante e di forte preoccupazione per la guerra a noi vicina e le guerre tutte che viviamo, che vi do il benvenuto, certa che è il desiderio di tutte fermare la guerra, parlarsi, fermare la spesa per la morte, per le armi, oggi come ieri. Ho sostenuto e continuo a sostenere che vogliamo agire il potere per cambiarlo e non imbrigliarci e mortificarci in angoli di stereotipi e luoghi comuni. Sento il bisogno di agire in un contesto che non solo pensa il cambiamento, ma lo agisce. Al contempo, mi rendo conto che viviamo un’epoca di restaurazione e di minaccia, in cui soggetti neutri si sono appropriati delle nostre parole - svuotandole dei contenuti – fermando così il vero cambiamento”, dichiara Antonella Veltri. “Confido nel lavoro di questo gruppo, costituito da donne esperte e autorevoli, che – con esperienze differenti – agiscono quotidianamente per dare sempre più forza alla politica che determina il nostro agire al fianco delle donne. Desidero anche ringraziare le donne che hanno lavorato con me sinora, mettendo competenze, tempo ed energie a disposizione dell’Associazione” conclude.
D.i.Re. - Donne in rete contro la violenza è la rete nazionale composta da 82 organizzazioni dislocate sul territorio nazionale, che gestiscono Centri antiviolenza e Case rifugio, affiancando oltre 20.000 donne ogni anno. D.i.Re e le organizzazioni socie sono attive politicamente per determinare il cambiamento culturale necessario per l’eliminazione della violenza maschile alle donne

Leggi tutto
Copertina

News

Report obiettivo benessere 2021/2022

Il progetto Obiettivo Benessere, promosso dal Comitato Unico di Garanzia (CUG) del CNR, ha previsto la conduzione di un’indagine presso i/le dipendenti del CNR. Ai fini della realizzazione dell’indagine, il CUG, nell’ambito delle attività del Gruppo di Lavoro “Benessere Organizzativo, Salute e Sicurezza”, ha formalizzato un accordo di collaborazione a titolo gratuito con l’attività
Mutamenti Sociali, Valutazione e Metodi (MUSA) dell’Istituto di Ricerche sulla Popolazione e le Politiche Sociali (IRPPS), mediante il quale ha affidato a MUSA il coordinamento e la responsabilità scientifica dell’indagine, l’analisi dei dati e la produzione di un report sui risultati di ricerca.
L’accordo, siglato il 9 novembre 2021, riguarda principalmente l’implementazione di azioni di monitoraggio volte a raccogliere dati relativi al benessere organizzativo e all’aspetto qualitativo e quantitativo delle relazioni verticali e orizzontali, alle discriminazioni, alle molestie, al mobbing e al disagio nei luoghi di lavoro. Il progetto è finalizzato all’elaborazione di proposte e interventi in tema di pari opportunità, conciliazione vita/lavoro, diversità e discriminazione.
Il Gruppo di Lavoro “Benessere Organizzativo, Salute e Sicurezza” del CUG ha attivamente collaborato con MUSA ai fini della definizione delle dimensioni d’analisi dell’indagine Obiettivo Benessere, di seguito elencate:
- informazioni socio-anagrafiche relative ad età, genere, dimensione familiare, inquadramento professionale, ripartizione territoriale;
- lavoro agile;
- conciliazione tra oneri lavorativi e vita privata;
- clima, benessere organizzativo e relazionale di tipo sia orizzontale sia verticale;
- discriminazioni, molestie e mobbing sul luogo di lavoro;
- corporate reputation e senso di appartenenza;
- opinioni generali e relative al CNR.
Allo scopo di promuovere concretamente un ambiente di lavoro improntato al benessere organizzativo e relazionale, ottimizzando i risultati di indagine e promuovendo best practices atte alla gestione del personale, i risultati del progetto potranno inoltre riguardare la formulazione di pareri da sottoporre all’amministrazione del CNR in materia di riorganizzazione dell’Ente, formazione del personale e dei vertici, criteri di valutazione dei dipendenti, orari e forme di flessibilità lavorativa, oltre ad altre questioni oggetto di contrattazione sindacale integrativa.

Leggi tutto
3 dicembre

News

3 dicembre: i diritti delle persone con disabilità

Il 3 dicembre il Comitato unico di garanzia del Consiglio nazionale delle ricerche aderisce alla Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità in ottemperanza alla missione, definita dal regolamento, di promuovere parità e pari opportunità per tutti e tutte e il superamento di ogni forma di discriminazione. La ricorrenza, istituita dalle Nazioni Unite nel 1992, stimola ad assumere come impegno l’eliminazione di barriere fisiche, cognitive, sensoriali e culturali, a incentivare la riflessione sulla coesione e sulla equità sociale per garantire la dignità, i diritti e il benessere di tutti.
Secondo quanto riportato dall’Agenzia per la coesione territoriale (dati 2020) “le persone portatrici di disabilità rappresentano il 15% della popolazione mondiale, circa un miliardo, e devono affrontare nel corso della loro vita discriminazioni e ostacoli che ne limitano la piena partecipazione alla vita sociale”. Le disabilità sono in aumento anche a causa dell’invecchiamento della popolazione; soprattutto nei Paesi più poveri “gli individui accumulano maggiori rischi sanitari a causa di malattie croniche, incidenti e altre patologie”. A partire da questo dato, cinque degli obiettivi dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile, sono formulati con riferimenti espliciti alle persone con disabilità.
Per Giovanna Acampora presidente del Cug-Cnr questa ricorrenza “rafforza ogni anno la tematica dell’inclusione. L’inclusione delle disabilità e diversità è una tematica che è esplosa anche in Italia e si sta diffondendo a macchia d’olio, con le bellezze e le fatiche che ogni diffusione porta con sé e l’introduzione di politiche inclusive nel rapporto lavorativo, non è una questione recente né tantomeno inusitata. Un dato di fatto è quello che per un datore di lavoro aver tra i propri dipendenti uomini e donne con diversificate competenze, ma anche persone che mettono a fattore comune differenti stimoli, punti di vista, prospettive, modi di pensare e risolvere problemi, rappresenta un valore aggiunto, un surplus in termini qualitativi, facendo risultare questo modello più vincente rispetto a quello rappresentato dal pensiero unidirezionale e superato. Favorire in azienda l’adozione di politiche e misure volte a promuovere il rispetto e l’integrazione è importante sia per i lavoratori che per i datori di lavoro e richiede un impegno sempre crescente. Bisogna creare ambienti di lavoro liberi da discriminazioni e pregiudizi e che siano realmente inclusivi e senza barriere”.
Il tema scelto quest’anno dalle Nazioni Unite per la giornata, “Trasformazione verso una società sostenibile e coinvolgente per tutti”, si presta anche alla riflessione sul ruolo della ricerca scientifica a sostegno delle persone fragili, richiamato da Maria Chiara Carrozza, presidente del Cnr, in numerosi interventi: esperta di bioingegneria e biorobotica, già direttore scientifico della fondazione Don Gnocchi, più volte ha ribadito l'importanza di puntare sull’innovazione e la rivoluzione digitale per favorire l’inclusione e la lotta diseguaglianze.
Nel nuovo format “Cug-Cnr: una riflessione a più voci”, vengono proposti due video che affrontano la problematica cercando di mettere in luce sia il vasto contributo della ricerca scientifica CNR sulle disabilità sia le attività promosse dall’amministrazione stessa in tema di inclusione: ne parlano Francesca Gorini, Ufficio stampa del Cnr e coautrice insieme a Marco Ferrazzoli del libro “Il Superdisabile. Analisi di uno stereotipo” e Gianluca Sotis, responsabile Unità Prevenzione e Protezione del Cnr e responsabile dei processi di inserimento delle persone con disabilità.
Video Francesca Gorini www.cnrweb.tv/il-cnr-per-linclusione/
Video Gianluca Sotis www.cnrweb.tv/i-processi-dinserimento-dei-disabili-nel-cnr/

Sandra Fiore

Leggi tutto
25 novembre

News

25 novembre: mai più violenza contro le donne

Nella giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne che oggi si celebra, appaiono sempre più allarmanti i dati che riguardano i femminicidi in aumento, fenomeno esacerbato dalle restrizioni dovute alla pandemia.

La data del 25 novembre è stata scelta dall’assemblea dell'Onu nel 1999, in ricordo del sacrificio delle sorelle Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise nel 1960 dagli agenti del dittatore Rafael Leonidas Trujillo in Repubblica Dominicana. Da allora l’Assemblea delle Nazioni Unite ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare in quel giorno attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema del maltrattamento e dell’abuso che riguarda il genere femminile.

Dal report "Omicidi volontari" curato dal Servizio analisi criminale della Direzione centrale della polizia criminale, pubblicato online dal Viminale, emerge un quadro preoccupante: dal 1gennaio al 21 novembre di quest'anno in Italia sono stati commessi 263 omicidi, con 109 vittime donne di cui 93 uccise in ambito familiare/affettivo; di queste più della metà ha trovato la morte per mano del partner o ex partner.

Ma prima di arrivare al compimento del femminicidio, il fenomeno della violenza include una molteplicità di condotte lesive della salute e della dignità delle donne che la subiscono, in particolar modo all’interno delle mura domestiche: maltrattamenti, violenza fisica, psicologica, sessuale, educativa, economica, che nel complesso minacciano la libertà, la dignità e l’integrità della persona.

Uno dei simboli più usati per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema sono le scarpe rosse, lasciate in bella vista nelle piazze. Un emblema ideato nel 2009 dall’artista messicana Elina Chauvet con l’opera Zapatos Rojas.

Il Comitato unico di garanzia del Consiglio nazionale delle ricerche fin dal 2011, anno della sua costituzione, è impegnato in progetti, iniziative divulgative e collaborazioni istituzionali, sul tema della parità e pari opportunità per tutti, sull'uguaglianza sostanziale nel lavoro tra donne e uomini e nel garantire pari dignità sul posto di lavoro a tutte le categorie sottorappresentate, individuando ogni forma di discriminazione diretta ed indiretta che ne ostacoli la piena realizzazione. Tra le iniziative istituzionali il CUG partecipa attivamente alla rete dei Comitati Unici di Garanzia che ha tra le altre cose l’intento di valorizzare il ruolo dei Comitati nel prevenire e contrastare ogni forma di discriminazione nei luoghi di lavoro. La Rete, a tal fine, ha sottoscritto un’importante e significativo accordo di collaborazione per azioni congiunte da intraprendere con la Ministra delle Pari Opportunità On. Elena Bonetti contro le molestie e la violenza nei luoghi di lavoro.

Il CUG CNR in questa giornata intende porre all’attenzione questa ricorrenza internazionale attraverso il nuovo format “Cug-Cnr: una riflessione a più voci”, che propone, mediante dei video, alcune riflessioni di colleghi e colleghe esperti/e sul tema.

Antonella Veltri, Isafom-Cnr e Presidente di D.i.Re, illustra i risultati della indagine “Il mancato riconoscimento della violenza domestica nei tribunali civili e per minorenni”, ove si evidenzia la non applicazione della Convenzione di Istanbul e la vittimizzazione secondaria delle donne che hanno subito violenza nei tribunali civili e per i minorenni. Pietro Demurtas, Irpps-Cnr Progetto ViVa, nel contributo “Fronteggiare la doppia pandemia. I centri antiviolenza durante il lockdown” discute alcune strategie messe in atto per supportare le vittime di violenza all’inizio della crisi pandemica. Caterina Peroni, Irpps-Cnr Progetto ViVa, nel video "Lavorare su chi agisce violenza in Italia" fa luce sugli interventi dedicati a modificare le condotte dei maltrattanti.

Video Antonella Veltri www.cnrweb.tv/indagine-d-i-re-i-tribunali-civili-e-la-violenza-domestica/
Video Pietro Demurtas www.cnrweb.tv/fronteggiare-la-doppia-pandemia-i-centri-antiviolenza-durante-il-lockdown/

Video Caterina Peroni https://www.cnrweb.tv/lavorare-su-chi-agisce-violenza-in-italia/

Sandra Fiore

Leggi tutto
Infanzia

News

20 novembre: i diritti dell’infanzia da non dimenticare

Sono passati oltre 30 anni dall’adozione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che, per la prima volta, ha riconosciuto i bambini come soggetti aventi diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici. Infatti, la Convenzione, approvata il 20 novembre 1989, è stata ratificata dall’Italia il 27 maggio 1991.
Ogni anno in questa data si celebra la Giornata internazionale tesa a ricordare tali diritti e a incoraggiare “la fratellanza e la comprensione globale tra i bambini”, attraverso attività finalizzate alla promozione degli ideali e degli obiettivi sanciti nella Carta delle Nazioni Unite.
Tra i diritti menzionati nei 54 articoli compaiono, ad esempio, il diritto al gioco, al cibo, alla salute, all’educazione, alla famiglia, all’uguaglianza. Inoltre, la Convenzione sancisce che i bambini devono poter esprimere la loro opinione esattamente come gli adulti.
Il Comitato Unico di Garanzia del Consiglio nazionale delle ricerche, presieduto dalla dr.ssa Giovanna Acampora, sostiene e incoraggia ricerche e iniziative tese alla conoscenza degli aspetti che possono costituire una minaccia e un rischio per i diritti dei bambini e degli adolescenti. “Sosteniamo tra altri il diritto al gioco”, afferma Giovanna Acampora, presidente del Comitato Unico di garanzia del Cnr. “Nella nostra cultura il gioco viene riconosciuto come uno strumento indispensabile per una crescita sana e armoniosa ma, purtroppo, c’è differenza tra avere la possibilità di praticare una determinata attività ed esercitarne il diritto. In Italia ci sono molte situazioni ambientali e consuetudini educative che impediscono ai bambini di appropriarsi dei loro momenti di gioco. Le attività libere, spontanee e non strutturate sono quelle che i bambini scelgono da protagonisti, spinti dalla curiosità e dai propri interessi. La voglia di giocare liberamente è, infatti, una caratteristica innata dei bambini, che non avrebbero bisogno di indicazioni su come giocare, ma soltanto di tempo e spazio per farlo. Nel nostro Paese mancano spazi naturali e sicuri in cui i bambini possano incontrarsi. La penuria di luoghi e di opportunità educative richiederebbe, un intervento di recupero degli spazi abbandonati e non più sicuri, da restituire il prima possibile all’infanzia. La mancanza di opportunità di gioco libero spinge invece sempre di più verso l’istituzionalizzazione dell’infanzia. Alcune iniziative, come i servizi di ludoteca, cercano di contrastare questa tendenza, ma si tratta di tentativi minoritari, anche se lodevoli e interessanti. Il CUG del Cnr, grazie ad un progetto finanziato dalla Regione Campania e fondi europei, ha sperimentato questa possibilità: quella di avere una ludoteca all’interno dell’Area di Ricerca di Napoli. Un comprensorio di oltre 700 dipendenti, dove per un’intera giornata circa 30 dipendenti a rotazione potevano avvalersi della possibilità di avere team di operatrici dell’infanzia che trattenevano i propri figli in orario di lavoro, con un progetto ludico che ha permesso loro di avere vicino i popri figli in una condizione felice come quella del gioco”.
Recentemente, l’evento “La violenza sui minori - Mostra d’arte Sguardi parlanti”, tenutosi nella Sala del Cenacolo presso la Camera dei Deputati, organizzato dall’Istituto per la ricerca e l’innovazione biomedica del Consiglio nazionale delle ricerche di Catania (Cnr-Irib), ha tratteggiato le dinamiche del fenomeno.
Paolo Siani, Vicepresidente della Commissione bicamerale ha affermato che il maltrattamento sui minori è un fenomeno sommerso, accresciutosi durante il lockdown, ed è tra l’altro una realtà insopportabile che costituisce una grossa spesa per lo Stato. Una ricerca ha dimostrato che l’Italia spende 13 miliardi l’anno di costi diretti e indiretti per curare i bambini che subiscono in varia misura delle violenze.
Il professor Enrico Parano, responsabile del Cnr-Irib, ha invece offerto il punto di vista preoccupante della ricerca scientifica sul fenomeno: “Noi studiamo nello specifico le anomalie genetiche, che poi si chiamano epigenetiche, perché si verificano sopra, ‘epi’ vuol dire sopra, il Dna dei minori che subiscono maltrattamenti e abusi. È stato dimostrato che la violenza, gli abusi lasciano paradossalmente anche delle tracce, delle firme genetiche, sul Dna del minore con conseguenze devastanti per il suo sviluppo neurologico, per il suo sviluppo biologico, per quello fisico, per quello comportamentale”.
Per saperne di più vedi anche link evento https://www.cnr.it/it/evento/17572; video Cnr-webtv In difesa dell’adolescenza.

Leggi tutto
Locandina

Eventi

Il contributo del Comitato unico di garanzia Cnr nel contrasto alle discriminazioni e alla violenza di genere

Per ricordare la Giornata internazionale della donna, il Comitato unico di garanzia del Cnr, il 29 marzo ha organizzato in collaborazione con l'ufficio Unità formazione e welfare del Cnr un webinar dal titolo“Il contributo del Comitato unico di garanzia (CUG) Cnr nel contrasto alle discriminazioni e alla violenza di genere". Saranno presenti la presidente della Commissione parlamentare d'inchiesta sul femminicidio Senato della Repubblica XVIII Leg. senatrice Valeria Valente, il direttore generale del Cnr Giambattista Brignone che presenterà l’adozione del codice per la prevenzione ed il contrasto delle molestie nel Cnr ed il Comitato unico di garanzia che con le relazioni di alcuni membri quali Antonio Tintori e Pietro De Murtas, porterà a conoscenza dei risultati di ricerche attive proprio sulla violenza.

La presidente del CUG, Giovanna Acampora, dopo aver presentato il Comitato unico di garanzia, illustrerà l’importante protocollo d’intesa a firma della ministra per le Pari opportunità Elena Bonetti e e Fabiana Dadone già ministra della Pubblica Amministrazione, con la Rete dei Cug, di cui il Cnr fa parte sin dal 2015.

L’obiettivo è essere accanto alle donne in questo momento di ulteriore difficoltà fornendo loro tutte le informazioni necessarie per chiedere aiuto e denunciare la violenza e siamo fiduciosi nel credere che la collaborazione sottoscritta sarà proficua e funzionale a dare informazione sostegno e non ultimo consapevolezza del disagio a tutte le donne e gli uomini appartenenti alle amministrazioni e che tali indicazioni possono favorire la risoluzione del fenomeno anche al di fuori dell’ambiente di lavoro. In particolare sarà rafforzata la diffusione del numero verde antiviolenza 1522 attivo h24 e saranno diffuse informazioni riguardo diverse e future iniziative volte a contrastare il fenomeno.

Compito istituzionale proprio del Comitato unico di garanzia presente nell’amministrazione è quello di prevenire e monitorare situazioni di violenza di genere negli ambienti di lavoro.

Leggi tutto